14.5.16

ΤΡΑΓΟΥΔΑΕΙ Ο ΕΔΜΟΥΝΔΟ ΡΙΒΕΡΟ




ΤΡΑΓΟΥΔΑΕΙ Ο EDMUNDO RIVERO

LA CANTINA


Ha plateado la luna el Riachuelo
y hay un barco que vuelve del mar,
como un dulce pedazo de cielo
con un viejo puñado de sal.
Golondrina perdida en el viento,
por qué calle remota andará,
con un vaso de alcohol y de miedo
tras el vidrio empanado de un bar.

La cantina
llora siempre que te evoca
cuando toca, piano, piano,
su acordeón el italiano...
La cantina,
que es un poco de la vida
donde estabas escondida
tras el hueco de mi mano.
De mi mano
que te llama silenciosa,
mariposa que al volar,
me dejó sobre la boca, ¡sí!
su salado gusto a mar.

Se ha dormido entre jarcias la luna,
llora un tango su verso tristón,
y entre un poco de viento y espuma
llega el eco fatal de tu voz.
Tarantela del barco italiano
la cantina se ha puesto feliz,
pero siento que llora lejano
tu recuerdo vestido de gris.



Μουσική: Aníbal Troilo.
Στίχοι: Cátulo Castillo.

16.4.16

ΤΡΑΓΟΥΔΑΕΙ Ο ΕΔΜΟΥΝΔΟ ΡΙΒΕΡΟ




EDMUNDO RIVERO: MARGOT

11.4.16

ΤΡΑΓΟΥΔΑΕΙ Ο ΠΙΝΟ ΜΑΖΙ




ΤΡΑΓΟΥΔΑΕΙ Ο PINO MASI


L'ORA DEL FUCILE

Tutto il mondo sta esplodendo
dall'Angola alla Palestina,
l'America Latina sta combattendo,
la lotta armata vince in Indocina;
in tutto il mondo i popoli acquistano coscienza
e nelle piazze scendono con la giusta violenza.

E quindi: cosa vuoi di più, compagno, per capire
che è suonata l'ora del fucile?

L'America dei Nixon, degli Agnew e Mac Namara
dalle Pantere Nere una lezione impara;
la civiltà del napalm ai popoli non piace,
finché ci son padroni non ci sarà mai pace;
la pace dei padroni fa comodo ai padroni,
la coesistenza è truffa per farci stare buoni.

E quindi: cosa vuoi di più, compagno, per capire
che è suonata l'ora del fucile?

In Spagna ed in Polonia gli operai
dimostran che la lotta non si è fermata mai
contro i padroni uniti, contro il capitalismo,
anche se mascherato da un falso socialismo.
Gli operai polacchi che hanno scioperato
gridavano in corteo: Polizia Gestapo!
Gridavano: Gomulka, per te finisce male!
Marciavano cantando l'Internazionale.

E quindi: cosa vuoi di più, compagno,
per capire che è suonata l'ora del fucile?

Le masse, anche in Europa, non stanno più a guardare,
la lotta esplode ovunque e non si può fermare:
ovunque barricate: da Burgos a Stettino,
ed anche qui da noi, da Avola a Torino,
da Orgosolo a Marghera, da Battipaglia a Reggio,
la lotta dura avanza, i padroni avran la peggio.

E quindi: cosa vuoi di più, compagno,
per capire che è suonata l'ora del fucile?


11.2.16

ΤΡΑΓΟΥΔΑ Η ΤΖΟΒΑΝΝΑ ΝΤΑΦΙΝΙ




ΤΡΑΓΟΥΔΑ Η GIOVANNA DAFFINI: LA TRADOTTA CHE PARTE DA NOVARA

15.12.15

ΤΡΑΓΟΥΔΑΕΙ Ο ΑΛΜΠΕΡΤΟ ΡΑΜΠΑΛΙΑΤΙ




ΤΡΑΓΟΥΔΑΕΙ Ο  ALBERTO RABAGLIATTI

NUSTALGIA DE MILAN

Stasera sont in vena de fa el sentimental
la nòtt l'è insci serena ma mi me senti mal!
Te scrivi cara mama, sont stuff de restaa chì:
el me Milan el me ciama visin a ti!

O mama mia mi sont lontaan,
ma g'hoo la nostalgia del mè Milan;
mi voraria turnà doman:
t'el giuri, curaria col coeur in man!

Vedè la Madonina, sentì el mé bell dialett,
svègliass ona mattina in del me lett!
O mama mia, inscì lontan,
t'el giuri, piangiaria puur de vess a Milan!

La par 'na stupidada se pensi ai mè bastion,
e foo 'na sifolada per cascià giò el magon!
E quand ven giò la sira ricòrdi i bei tosann,
rivedi la ringhera di mè vint'ann!

O mama mia mi sont lontaan,
ma g'hoo la nostalgia del mè Milan;
mi voraria turnà doman:
t'el giuri, curaria col coeur in man!

Vedè la Madonina, sentì el mé bell dialett,
svègliass ona mattina in del me lett!
O mama mia, inscì lontan, t'el giuri, piangiaria
pur de vess a Milan!

12.12.15

ΤΡΑΓΟΥΔΑ Η ΡΟΖΑ ΜΠΑΛΙΣΤΡΕΡΙ




ΤΡΑΓΟΥΔΑ Η ROSA BALISTRERI: CIARAMIDDARU

11.12.15

ΤΡΑΓΟΥΔΑ Η ΜΑΡΙΑ ΔΟΛΟΡΕΣ ΠΡΑΔΕΡΑ




ΤΡΑΓΟΥΔΑ Η MARÍA DOLORES PRADERA: MILONGA SENTIMENTAL

9.12.15

ΤΡΑΓΟΥΔΑΕΙ Ο ΛΟΥΤΣΙΑΝΟ ΤΑΓΙΟΛΙ




ΤΡΑΓΟΥΔΑΕΙ Ο LUCIANO TAJOLI: ADDIO MIA BELLA SIGNORA

5.12.15

ΤΡΑΓΟΥΔΑΕΙ Ο ΑΚΙΛΕ ΤΟΛΙΑΝΙ




ΤΡΑΓΟΥΔΑΕΙ Ο ACHILLE TOGLIANI


COME PIOVEVA

C'eravamo tanto amati
per un anno e forse più,
c'eravamo poi lasciati
non ricordo come fu.

Ma una sera c'incontrammo
per fatal combinazion,
perchè insieme riparammo,
per la pioggia, in un porton.

Elegante nel suo velo,
con un bianco cappellin,
dolci gli occhi suoi di cielo,
sempre mesto il suo visin.

Ed io pensavo
ad un sogno lontano,
a una stanzetta
d'un ultimo piano,
quando d'inverno
al mio cuor si stringeva.
Come pioveva, come pioveva!

"Come stai?" le chiesi a un tratto.
"Bene, grazie", disse, "e tu?".
"Non c'e' male" e poi distratto:
"Guarda che acqua viene giù!".

"Che m'importa se mi bagno,
tanto a casa debbo andar".
"Ho l'ombrello, t'accompagno".
"Grazie, non ti disturbar".

Passa a tempo una vettura,
io la chiamo, lei fa: "no",
dico: "Via, senza paura,su montiamo",
e lei montò.

Così pian piano
io le presi la mano
mentre il pensiero
vagava lontano,
quando d'inverno
al mio cuor si stringeva.
Come pioveva, come pioveva!

Ma il ricordo del passato
fu per lei il più gran dolor,
perchè al mondo aveva dato
la bellezza ed il candor.

Così quando al suo portone
un sorriso mi abbozzò,
nei begli occhi di passione
una lagrima spuntò.

Io non l'ho più riveduta,
se è felice chi lo sa!
Ma se è ricca, o se è perduta,
ella ognor rimpiangerà:

Quando una sera
in un sogno lontano
nella vettura io le presi la mano,
quando salvarla ancor si poteva!
Come pioveva...
così piangeva!

3.12.15

ΤΡΑΓΟΥΔΑΕΙ Ο ΑΟΥΡΕΛΙΟ ΦΙΕΡΡΟ




ΤΡΑΓΟΥΔΑΕΙ Ο AURELIO FIERRO: SIGNORINELLA

2.12.15

ΤΡΑΓΟΥΔΑΕΙ Ο ΑΝΤΟΝΙΟ ΠΡΙΕΤΟ




ΤΡΑΓΟΥΔΑΕΙ Ο ANTONIO PRIETO: LA CALLE DEL PECADO

1.12.15

ΤΡΑΓΟΥΔΑΕΙ Ο ΑΛΒΕΡΤΟ ΡΕΫΝΑΛ




ΤΡΑΓΟΥΔΑΕΙ Ο ALBERTO REYNAL: CONSEJOS

20.11.15

ΠΑΙΖΕΙ Η ΝΟΥΟΒΑ ΚΟΜΠΑΝΙΑ ΝΤΙ ΚΑΝΤΟ ΠΟΠΟΛΑΡΕ



ΠΑΙΖΕΙ Η NUOVA COMPAGNIA DI CANTO POPOLARE


TRAPENARELLA



Trapanarella cu 'o trapanaturo
e tr pana 'a mamma e 'a figlia pure.
e, trapanianno, 'mmiez'a sti guaje,
canto 'a canzona da cuccuvaja...
Na signurina cammina pa strata,
nu giuvinotto lle fa na guardata..
e chella che s bbeto femmena onesta,
areto purtone, s'a=EDza 'a vesta!
San Genn ', p nzace tu,
ca tanto de ccorne 'un se campa cchi !
Nu pr vete, 'ncopp'a ll'altare maggiore,
mme pare nu santo prerecatore,
ma quanno va dinta sacrestia
v ' mille lire pAvummaria...
San Genn ', tu vide a chiste?
'mbrogliano pure a Gies Cristo!
E nuce, nucelle e castagne 'nfurnate...
quanta pa=EDse aggiu curriate...
'A Torre do Grieco e 'Annunziata
e quanta guaje ch'aggio truvato...
e quanta defiette ch'aggiu cantate!...
'E culamappate s 'e Veneziane,
'e magnapulenta s ngo 'e Milano,
'e meglie cantante stanno a Giugliano,
'e tirapistole stanno a Casale...

'E ffacce toste s ngo italiane,
'e cchi mafiuse s ' siciliane,
'e po' 'e sbruffune songo 'e Rumane,
'e ffemmene belle s ' napulitane,
'e mmazze 'e scopa s ' americane....

'E 'mbrogliamestiere s ' ll'ingegnere,
'e 'mbrogliamalate s ' ll'avvucate,
'e pri evete fanno 'e zucalanterne
e 'e cchi mariuole stann'o guverno!

San Genn ', dice ca ...
chi 'o ssape comme va a fern
Na signurina, a via dei Mille,
s'ha misa 'a parrucca 'a copp'e capille...
Quanno va a casa se magna 'e ppurpette
e chi tene famma guarda 'e rimpetto...
Nu giuvinotto, cu 'e s rde do pato,
s'accatta 'o cazone 'mpusumato...
po' va dinta machina, allero allero,
e v ' men sotto a chi va a p re...

'E ccunuscite a sti milorde,
chille stanno 'nguajate 'e sorde...
'e pate s ' tanta scurnacchiate...
e campano 'ncoppa famme 'e ll'ate....

San Genn ', p nzace tu,
ca tanto de 'mbruoglie 'un se campa cchi !
Mme ne vaco pe' sotto muro,
e sento 'addore de maccarune...
Mme ne vaco pe' Qualiano,
e sento 'addore de ppatane..
Mme ne vaco po Granati ello,
e sento 'addore de friari elle...
Ma si vaco addo putecaro
tutte cosa va cchi caro...
Ma vedite quando maje
'sta miseria va aumentanno...
e aumenta ogge, aumenta dimane,
e doppodimane...
sabato e dummeneca no...
Chi fatica se more 'e famma
na vota ca e na vota ca no...
Chi fatica se more 'e fammma
na vota ca e na vota ca no...

15.11.15

ΤΡΑΓΟΥΔΑ Η ΡΟΖΑ ΜΠΑΛΙΣΤΡΕΡΙ




ΤΡΑΓΟΥΔΑ Η ROSA BALISTRERI: MATRI C'AVITI FIGGHI A LA BADIA

14.11.15

ΤΡΑΓΟΥΔΑ Η ΜΑΡΙΑ ΔΟΛΟΡΕΣ ΠΡΑΔΕΡΑ




ΤΡΑΓΟΥΔΑ Η MARÍA DOLORES PRADERA: LA FLOR DE LA CANELA

13.11.15

ΤΡΑΓΟΥΔΑΕΙ Ο ΡΙΚΑΡΝΤΟ ΝΤΕΛ ΤΟΥΡΚΟ




ΤΡΑΓΟΥΔΑΕΙ Ο RICCARDO DEL TURCO: FIGLIO UNICO